Seleziona una pagina

FRINGE

[Urano]

Maledetta mnemonica
Non mi perdonerai mai
Sei come un demone
Un anemone blu
Che ha perso la strada di casa
Volevo dirti che ho salvato il mondo anche se non lo sai
E che non torni uguale
Tu non ti preoccupare
Mi mancherà il Natale
So che gli amici mi odiano
Quando parlo di te
Tutto si restringe a una banale visione
Che sia come un’ossessione da cui liberarmi
E questo vale per me
Per ogni cosa che ho perso
Ogni fratello che ha vissuto lo schianto
Precipitano aerei sulla nostra coscienza
Esplodono veleni che tu avevi già in testa
E ti confondono

La forza di gravità
Incontrovertibile
Di contro l’anima
Vuole evadere
Fammi togliere dal mare il sale
Delle tue lacrime
Premi sui liquidi come la luna
Com’era bello
Nei weekend
Fringe
Sono anni che ormai
Non colori i capelli di blu
Fringe
Sei cresciuta e ormai
La mia vita è una serie Tv
E tengo fermo il vomito
Lungo queste scalinate
E’ quasi alba ed è bellissimo
Questo quartiere è una porta
Aprire un varco dimensionale
Ritorni col sorriso e coi capelli
Dal colore naturale
Premi sui liquidi come la luna
Sono sicuro che non tornerà

La forza di gravità
Sfido il limite:
te la ricordi quella stretta che ti prende sullo stomaco
come ti sento dal contatto telepatico.
Dalle mie lacrime sul cemento
Nasceranno dei fiori bellissimi
Ricorda sempre che ti voglio bene
Da adesso non ci sentiremo più
Fringe
Sono anni che ormai
Non colori i capelli di blu
Fringe
Sei cresciuta e ormai
La mia vita è una serie Tv

Tu
Vedi che strano difetto
Tu ti fidavi di me
Vedi che strano difetto
Io mi fidavo di te
Mi strappo il cuore dal petto
E lo consegno a te
Adesso sono perfetto
Addio amore mio

Fringe
Sono anni che ormai
Non colori i capelli di blu.
Fringe
Sei cresciuta
E ormai
La mia vita è una serie
Tv

FRINGE

[Urano]

Maledetta mnemonica
Non mi perdonerai mai
Sei come un demone
Un anemone blu
Che ha perso la strada di casa
Volevo dirti che ho salvato il mondo anche se non lo sai
E che non torni uguale
Tu non ti preoccupare
Mi mancherà il Natale
So che gli amici mi odiano
Quando parlo di te
Tutto si restringe a una banale visione
Che sia come un’ossessione da cui liberarmi
E questo vale per me
Per ogni cosa che ho perso
Ogni fratello che ha vissuto lo schianto
Precipitano aerei sulla nostra coscienza
Esplodono veleni che tu avevi già in testa
E ti confondono

La forza di gravità
Incontrovertibile
Di contro l’anima
Vuole evadere
Fammi togliere dal mare il sale
Delle tue lacrime
Premi sui liquidi come la luna
Com’era bello
Nei weekend
Fringe
Sono anni che ormai
Non colori i capelli di blu
Fringe
Sei cresciuta e ormai
La mia vita è una serie Tv
E tengo fermo il vomito
Lungo queste scalinate
E’ quasi alba ed è bellissimo
Questo quartiere è una porta
Aprire un varco dimensionale
Ritorni col sorriso e coi capelli
Dal colore naturale
Premi sui liquidi come la luna
Sono sicuro che non tornerà

La forza di gravità
Sfido il limite:
te la ricordi quella stretta che ti prende sullo stomaco
come ti sento dal contatto telepatico.
Dalle mie lacrime sul cemento
Nasceranno dei fiori bellissimi
Ricorda sempre che ti voglio bene
Da adesso non ci sentiremo più
Fringe
Sono anni che ormai
Non colori i capelli di blu
Fringe
Sei cresciuta e ormai
La mia vita è una serie Tv

Tu
Vedi che strano difetto
Tu ti fidavi di me
Vedi che strano difetto
Io mi fidavo di te
Mi strappo il cuore dal petto
E lo consegno a te
Adesso sono perfetto
Addio amore mio

Fringe
Sono anni che ormai
Non colori i capelli di blu.
Fringe
Sei cresciuta
E ormai
La mia vita è una serie
Tv

CODICE ROSSO

[Sole]

Mi resta solo un grosso peso allo stomaco
Dovrò farmelo passare
Hai cancellato tutte le tue ragioni
Il giorno in cui te ne sei andata per mare
E avevi una maglietta rossa
Sporca del sangue che ti è finito addosso
Tutto è possibile
Niente è successo
Mi cade un fulmine
Non sono morto

Quel film coi corpi blu
Dicevi tu
Che volano sui draghi
E’ la storia del mondo al contrario
Come fai a non capirlo?
Sei tu.
Codice rosso
Farei la fine di James Dean
Una città al pronto soccorso

Ti resta solo il mio ricordo
Dovrai fartelo bastare
Ed accettare che sei sempre uguale
E forse peggio di com’eri anni fa
E porti avanti il solito copione
Non c’è amore senza verità
Comprati i remi per la barca
Ed una lapide sul cuore

Quel film coi corpi blu
Dicevi tu
Che volano sui draghi
E’ la storia del mondo al contrario
Come fai a non capirlo?
Sei tu.
E allora Marla, scivola.
Prendi le tue pillole
Cambia il tuo DNA
Vivo la guerra
Odio la pace
Studio il tuo piano dall’aldilà
Tu tirami fuori
Dalla realtà

CODICE ROSSO

[Sole]

Mi resta solo un grosso peso allo stomaco
Dovrò farmelo passare
Hai cancellato tutte le tue ragioni
Il giorno in cui te ne sei andata per mare
E avevi una maglietta rossa
Sporca del sangue che ti è finito addosso
Tutto è possibile
Niente è successo
Mi cade un fulmine
Non sono morto

Quel film coi corpi blu
Dicevi tu
Che volano sui draghi
E’ la storia del mondo al contrario
Come fai a non capirlo?
Sei tu.
Codice rosso
Farei la fine di James Dean
Una città al pronto soccorso

Ti resta solo il mio ricordo
Dovrai fartelo bastare
Ed accettare che sei sempre uguale
E forse peggio di com’eri anni fa
E porti avanti il solito copione
Non c’è amore senza verità
Comprati i remi per la barca
Ed una lapide sul cuore

Quel film coi corpi blu
Dicevi tu
Che volano sui draghi
E’ la storia del mondo al contrario
Come fai a non capirlo?
Sei tu.
E allora Marla, scivola.
Prendi le tue pillole
Cambia il tuo DNA
Vivo la guerra
Odio la pace
Studio il tuo piano dall’aldilà
Tu tirami fuori
Dalla realtà

DIO SULLA PELLE

[Nettuno]

Vado via
Giuro
Non vorrei disturbare
Ora sei libera
E la imparo da te
E’ una buona politica
Silenzio cronico

Slego i nodi
Ti lascio da sola
Era quello
Era quello che vuoi
Non c’è più tempo
Ed è quanto per noi
Era solo per dirti

Ciao
Mi dispiace tu sia stata male
Forse non te l’ho detto mai
E avrei
Un sacco di cose da dirti
Ma il silenzio ci ucciderà
Siamo soli in questa città
Presto salterà in aria
Ma noi siamo già morti
E risorti in un’altra realtà

Slego i nodi
Ti lascio da sola
Era quello
Era quello che vuoi
Non c’è più tempo
Ed è quanto per noi
Niente più sconti famiglia

Dio sulla pelle
Un mare di stelle
Girano
Girano
Dentro di me
Una scarica elettrica scende dall’alto
Squarcia lo spazio
Viene da me

C’è qualcosa più forte dell’odio
Senza di lei diventi invisibile
Come un sole che non si bilancia
Giri sul mondo
Al contrario da lei

Era solo per dirti ciao
Mi dispiace tu sia stata male
Certo non te l’ho detto mai
E avrei un sacco di cose da dirti
Ma il silenzio ci ucciderà
Siamo soli in questa città
Presto salterà in aria
E avrei
Un sacco di cose da dirti
Ma il silenzio ci ucciderà

Ma era solo per dirti ciao
Mi dispiace tu sia stata male
Forse non te l’ho detto mai
E avrei un sacco di cose da dirti
Ma il silenzio ci ucciderà
Siamo soli in questa città
Presto salterà in aria
Ma noi siamo già morti

DIO SULLA PELLE

[Nettuno]

Vado via
Giuro
Non vorrei disturbare
Ora sei libera
E la imparo da te
E’ una buona politica
Silenzio cronico

Slego i nodi
Ti lascio da sola
Era quello
Era quello che vuoi
Non c’è più tempo
Ed è quanto per noi
Era solo per dirti

Ciao
Mi dispiace tu sia stata male
Forse non te l’ho detto mai
E avrei
Un sacco di cose da dirti
Ma il silenzio ci ucciderà
Siamo soli in questa città
Presto salterà in aria
Ma noi siamo già morti
E risorti in un’altra realtà

Slego i nodi
Ti lascio da sola
Era quello
Era quello che vuoi
Non c’è più tempo
Ed è quanto per noi
Niente più sconti famiglia

Dio sulla pelle
Un mare di stelle
Girano
Girano
Dentro di me
Una scarica elettrica scende dall’alto
Squarcia lo spazio
Viene da me

C’è qualcosa più forte dell’odio
Senza di lei diventi invisibile
Come un sole che non si bilancia
Giri sul mondo
Al contrario da lei

Era solo per dirti ciao
Mi dispiace tu sia stata male
Certo non te l’ho detto mai
E avrei un sacco di cose da dirti
Ma il silenzio ci ucciderà
Siamo soli in questa città
Presto salterà in aria
E avrei
Un sacco di cose da dirti
Ma il silenzio ci ucciderà

Ma era solo per dirti ciao
Mi dispiace tu sia stata male
Forse non te l’ho detto mai
E avrei un sacco di cose da dirti
Ma il silenzio ci ucciderà
Siamo soli in questa città
Presto salterà in aria
Ma noi siamo già morti

EROINA RENDEZVOUS

[Plutone]

Va tutto bene
Non è importante
Non c’è nessuno
Davvero
Lassù
Mio Dio perdonami
Sarò distante
L’amore non è come lo pensavi tu

Non ti ricordi di me
Non ti ricordi più del tuo passato?
Il tempo non esiste
La rotazione stellare
Non è un fenomeno che viene dal cielo
Ma sulla terra
Da te.

Tutti
I miei sogni
Coincidono con te
Tu ritorni
In altre forme
Ma sei identica a lei
Le mie donne sono unità centrale di backup

Eroina Rendez-vous
E sei bellissima
Ma è solo un dejà vu

Non ti ricordi di me
Non ti ricordi più del tuo passato
Il tempo non esiste
La rotazione stellare
Non è un fenomeno che viene
Dal cielo
Ma sulla terra
Da te
Non ti ricordi di me
Non ti ricordi più del tuo passato
Il tempo non esiste

Hai perso dentro le chiavi di accesso
Non ha più effetto
Quella tua lingerie
Non ha più effetto

Tutti
I miei sogni
Coincidono con te
Tu ritorni
In altre forme
Ma sei identica a lei
Le mie donne sono unità centrale di backup

EROINA RENDEZVOUS

[Plutone]

Va tutto bene
Non è importante
Non c’è nessuno
Davvero
Lassù
Mio Dio perdonami
Sarò distante
L’amore non è come lo pensavi tu

Non ti ricordi di me
Non ti ricordi più del tuo passato?
Il tempo non esiste
La rotazione stellare
Non è un fenomeno che viene dal cielo
Ma sulla terra
Da te.

Tutti
I miei sogni
Coincidono con te
Tu ritorni
In altre forme
Ma sei identica a lei
Le mie donne sono unità centrale di backup

Eroina Rendez-vous
E sei bellissima
Ma è solo un dejà vu

Non ti ricordi di me
Non ti ricordi più del tuo passato
Il tempo non esiste
La rotazione stellare
Non è un fenomeno che viene
Dal cielo
Ma sulla terra
Da te
Non ti ricordi di me
Non ti ricordi più del tuo passato
Il tempo non esiste

Hai perso dentro le chiavi di accesso
Non ha più effetto
Quella tua lingerie
Non ha più effetto

Tutti
I miei sogni
Coincidono con te
Tu ritorni
In altre forme
Ma sei identica a lei
Le mie donne sono unità centrale di backup

DISTACCO

[Mercurio]

Distacco
Senza contatto
Mi trovi gelido
Come un igloo

Siamo cambiati
Il tempo non è un vantaggio
Quindi rivestiti
Riprendi i tuoi jeans.

Distacco
E contrattacco
Senza rimpianto
Come volevi tu
Sono il serpente che mortifichi in gabbia
A parte questo
Credo
Niente di più

Progetto fughe dalla gabbia
Io sono eterno
A differenza di te

Distacco
Non voglio un cazzo
Mi trovi gelido
Come un igloo

Siamo cambiati
Il tempo non è un vantaggio
Quindi rivestiti
Riprendi i tuoi jeans

Distacco
E contrattacco
Senza rimpianto
Come volevi tu
Sono il serpente che mortifichi in gabbia
A parte questo, credo
Niente di più.

Il sesso implica un contratto a tempo
Io sono eterno a differenza di te

DISTACCO

[Mercurio]

Distacco
Senza contatto
Mi trovi gelido
Come un igloo

Siamo cambiati
Il tempo non è un vantaggio
Quindi rivestiti
Riprendi i tuoi jeans.

Distacco
E contrattacco
Senza rimpianto
Come volevi tu
Sono il serpente che mortifichi in gabbia
A parte questo
Credo
Niente di più

Progetto fughe dalla gabbia
Io sono eterno
A differenza di te

Distacco
Non voglio un cazzo
Mi trovi gelido
Come un igloo

Siamo cambiati
Il tempo non è un vantaggio
Quindi rivestiti
Riprendi i tuoi jeans

Distacco
E contrattacco
Senza rimpianto
Come volevi tu
Sono il serpente che mortifichi in gabbia
A parte questo, credo
Niente di più.

Il sesso implica un contratto a tempo
Io sono eterno a differenza di te

LUCCA

[Venere]

L’amore è un’altra cosa
Dicevi sempre tu
E’ una questione di sangue
Di corredo genetico blu

Ed io non sono Rambo
Ho 18 anni, puoi credermi
Vuoi?
Volevi fosse perfetto
Ma resta una cosa così
Tra di noi

TRA DI NOI
E’ guerra aperta
Non mi capirai mai
Non puoi legarmi con il sesso
Non ci riuscirai mai
Conosco bene la natura delle cose
Sei solo una principiante
Contro Kaiser Soze

Qualora fosse un avverbio
Non ti giustifico
Il mio cervello è un bordello
Si legge come un geroglifico
Mi sa che io rimango qui
Tieniti i chiodi
Che vuoi che sia
Prepara logica da cesso
Prendi le cose e vattene via

Vado a Lucca
E non tornerò mai più
E non tornerò mai più.
Dei tuoi giorni senza me
Questo inverno
Non ti resterà il rimpianto?

Ccc ciao ciao

Nel giorno in cui
Le stelle cadranno dal cielo
Soltanto una
Nel mondo
Ti seguirà
Da Lucca a Trento
Passando da Milano
Vedendo tornare il tempo
E tutto com’era

In questa parte del testo
Non ti dirò di più
La frase: “non è successo”
Fa piangere Gesù
(U U U U)
I giorni passano in fretta
Ti cerco
Non torni
Mi disintegro
Da quella nuova stanzetta
Le Muse inquietanti
Di Giorgio De Chirico

NON MI PARLARE
Solo Dio Divide il bene dal male
Solo Lucifero
Pensiero
Interdimensionale
Conosce bene la natura delle cose
Sei solo una
Principiante
Contro Kaiser Soze

Ccc ciao ciao

Nel giorno in cui
Le stelle cadranno dal cielo
Soltanto una
Nel mondo
Ti seguirà
Da Lucca a Trento
Passando da Milano
Vedendo tornare il tempo
E tutto com’era

Si
Tutto com’era..

LUCCA

[Venere]

L’amore è un’altra cosa
Dicevi sempre tu
E’ una questione di sangue
Di corredo genetico blu

Ed io non sono Rambo
Ho 18 anni, puoi credermi
Vuoi?
Volevi fosse perfetto
Ma resta una cosa così
Tra di noi

TRA DI NOI
E’ guerra aperta
Non mi capirai mai
Non puoi legarmi con il sesso
Non ci riuscirai mai
Conosco bene la natura delle cose
Sei solo una principiante
Contro Kaiser Soze

Qualora fosse un avverbio
Non ti giustifico
Il mio cervello è un bordello
Si legge come un geroglifico
Mi sa che io rimango qui
Tieniti i chiodi
Che vuoi che sia
Prepara logica da cesso
Prendi le cose e vattene via

Vado a Lucca
E non tornerò mai più
E non tornerò mai più.
Dei tuoi giorni senza me
Questo inverno
Non ti resterà il rimpianto?

Ccc ciao ciao

Nel giorno in cui
Le stelle cadranno dal cielo
Soltanto una
Nel mondo
Ti seguirà
Da Lucca a Trento
Passando da Milano
Vedendo tornare il tempo
E tutto com’era

In questa parte del testo
Non ti dirò di più
La frase: “non è successo”
Fa piangere Gesù
(U U U U)
I giorni passano in fretta
Ti cerco
Non torni
Mi disintegro
Da quella nuova stanzetta
Le Muse inquietanti
Di Giorgio De Chirico

NON MI PARLARE
Solo Dio Divide il bene dal male
Solo Lucifero
Pensiero
Interdimensionale
Conosce bene la natura delle cose
Sei solo una
Principiante
Contro Kaiser Soze

Ccc ciao ciao

Nel giorno in cui
Le stelle cadranno dal cielo
Soltanto una
Nel mondo
Ti seguirà
Da Lucca a Trento
Passando da Milano
Vedendo tornare il tempo
E tutto com’era

Si
Tutto com’era..

BUKOWSKI

[Marte]

La retorica non ha importanza
Lo dice la gravità
Viaggiamo in moduli transatlantici
Codici della realtà
E siamo nati già morti
Dentro una palla sospesa
I nostri metodi sono pratici
Dinamiche di release

Immagina che il mondo
Come lo pensi tu
Fosse una simulazione
Compatibile Tv
Prendo un libro di Bukowski
Ci trovi dentro me
Baby
Non sei simpatica

La retorica non ha importanza
Lo dice la gravità
Dimentica il satellite lunare
E’ la legge della terra
E puoi nasconderti dal sole
Dal magnete karmico, ma
Anche se torni con un taglio in faccia
Resti sempre tu la più bella in città

Immagina che il mondo
Come lo pensi tu
Fosse una simulazione
Compatibile Tv
Prendo un libro di Bukowski
Ci trovi dentro me
Baby
Non sei simpatica.

Se vuoi tornare seguimi
Ti porto indietro a quell’istante in cui
Così tu non mi conoscerai
Ma sono morto
Credimi
Rassegnati
Almeno portami dei fiori

BUKOWSKI

[Marte]

La retorica non ha importanza
Lo dice la gravità
Viaggiamo in moduli transatlantici
Codici della realtà
E siamo nati già morti
Dentro una palla sospesa
I nostri metodi sono pratici
Dinamiche di release

Immagina che il mondo
Come lo pensi tu
Fosse una simulazione
Compatibile Tv
Prendo un libro di Bukowski
Ci trovi dentro me
Baby
Non sei simpatica

La retorica non ha importanza
Lo dice la gravità
Dimentica il satellite lunare
E’ la legge della terra
E puoi nasconderti dal sole
Dal magnete karmico, ma
Anche se torni con un taglio in faccia
Resti sempre tu la più bella in città

Immagina che il mondo
Come lo pensi tu
Fosse una simulazione
Compatibile Tv
Prendo un libro di Bukowski
Ci trovi dentro me
Baby
Non sei simpatica.

Se vuoi tornare seguimi
Ti porto indietro a quell’istante in cui
Così tu non mi conoscerai
Ma sono morto
Credimi
Rassegnati
Almeno portami dei fiori

CIMITERO

[Saturno]

Sai
Io non rispondo più agli stimoli
Sono distante anni luce da te
Non ho più amore ne vincoli
E sei arrivata tardi.

E avrei voluto portarti a mare
Ma sono peggio di un clochard
Perché c’ho i soldi in abbondanza
E non me ne frega un cazzo della società
E non ti voglio
E non ti voglio toccare più
Mi viene il vomito
Gesù
Perché l’amore è una discarica e tu
Sei l’amministrazione pubblica della mia città*
Ci ritiriamo a casa con 6 grammi
Non mi parlare di conoscere i tuoi
Mettiti almeno nei miei panni

Il mio cuore è un cimitero
Che ha bisogno di silenzio
E sento che chiami dalla tomba
Metterò una bomba dove vivi tu
Farfalle e fuochi fatui
Nello stomaco
I vermi brulicano
E le mie mani
Sono sporche di fango

CIMITERO

[Saturno]

Sai
Io non rispondo più agli stimoli
Sono distante anni luce da te
Non ho più amore ne vincoli
E sei arrivata tardi.

E avrei voluto portarti a mare
Ma sono peggio di un clochard
Perché c’ho i soldi in abbondanza
E non me ne frega un cazzo della società
E non ti voglio
E non ti voglio toccare più
Mi viene il vomito
Gesù
Perché l’amore è una discarica e tu
Sei l’amministrazione pubblica della mia città*
Ci ritiriamo a casa con 6 grammi
Non mi parlare di conoscere i tuoi
Mettiti almeno nei miei panni

Il mio cuore è un cimitero
Che ha bisogno di silenzio
E sento che chiami dalla tomba
Metterò una bomba dove vivi tu
Farfalle e fuochi fatui
Nello stomaco
I vermi brulicano
E le mie mani
Sono sporche di fango

VAMPIRI

[Giove]

Specchi
Nessuna immagine
Se non di riflesso
Negli altri
Nessuna memoria
Se non di rado sulla lapide
E quando l’infezione si lega anche all’anima
Teatri della finzione
Si nascondono
Dentro le facce più innocue
Ti porteranno alla fogna

E nell’oscurità del vuoto
I loro occhi sono come l’abisso (vuoti)
Li riconoscerai tutti dalla bocca
Ma sarà solo per quello che dicono..
Dall’abitudine “ti spaccherò il cuore”
Ho il mio sistema di controllo
Di rilevazione
Magari rimarremo soli
Quel giorno certo sarà
Sicuramente migliore

Sei come spugna di personalità
Assimili dal plasma della tua vittima
E non parlare di Dio, tu
Non hai anima:
l’unica linfa.
Scorre la tua invidia

Io non ci credevo
Nella mia città ci sono i vampiri
Ci sono i vampiri
Io non ci credevo
Ma è tutto qui intorno
Dalla goethia fino ai film di James Bond
Quanti anni che mi state addosso
Sento ancora la pressione sul collo
Non è importante ciò che dici
Ormai
Io non ti conosco
Noi non siamo neanche amici

x2

VAMPIRI

[Giove]

Specchi
Nessuna immagine
Se non di riflesso
Negli altri
Nessuna memoria
Se non di rado sulla lapide
E quando l’infezione si lega anche all’anima
Teatri della finzione
Si nascondono
Dentro le facce più innocue
Ti porteranno alla fogna

E nell’oscurità del vuoto
I loro occhi sono come l’abisso (vuoti)
Li riconoscerai tutti dalla bocca
Ma sarà solo per quello che dicono..
Dall’abitudine “ti spaccherò il cuore”
Ho il mio sistema di controllo
Di rilevazione
Magari rimarremo soli
Quel giorno certo sarà
Sicuramente migliore

Sei come spugna di personalità
Assimili dal plasma della tua vittima
E non parlare di Dio, tu
Non hai anima:
l’unica linfa.
Scorre la tua invidia

Io non ci credevo
Nella mia città ci sono i vampiri
Ci sono i vampiri
Io non ci credevo
Ma è tutto qui intorno
Dalla goethia fino ai film di James Bond
Quanti anni che mi state addosso
Sento ancora la pressione sul collo
Non è importante ciò che dici
Ormai
Io non ti conosco
Noi non siamo neanche amici

x2

KETSUEKIGATA!

[963 frequency]

Parlami come ieri
Ti prego pensaci tu
Siamo dipinti di rosso
Annegheremo nel blu
Bambini monocromatici
Stampati bene in 3D
Disastri elettromagnetici
Magari fossero un film

Magari fosse così
Si, magari fosse così
C’è la sveglia, metti la firma
Per il prossimo lunedì
Magari fosse così
Si, va tutto bene da qui.
Ti ricevo forte e chiarissimo
Va tutto bene così

Sei scesa come in un lampo
Dal giorno in cui sei venuta
Hai legato dentro una tela
La tua inutile verità
Lasciandomi sulla terra
Abbandonato ai fili elettronici
Una rete elettromagnetica
Nascosta nel tuo iride verde

Come un serpente
Sei la parte mancante
L’opposizione naturale del mondo
A tutti i miei sogni
Piovono bombe sulle città
E dal satellite ti saluterò
Vienici a prendere
Come faceva mamma
Rimpianti non ne ho

KETSUEKIGATA
KETSUEKIGATA
KETSUEKIGATA
KETSUEKIGATA
KETSUEKIGATA

KETSUEKIGATA!

[963 frequency]

Parlami come ieri
Ti prego pensaci tu
Siamo dipinti di rosso
Annegheremo nel blu
Bambini monocromatici
Stampati bene in 3D
Disastri elettromagnetici
Magari fossero un film

Magari fosse così
Si, magari fosse così
C’è la sveglia, metti la firma
Per il prossimo lunedì
Magari fosse così
Si, va tutto bene da qui.
Ti ricevo forte e chiarissimo
Va tutto bene così

Sei scesa come in un lampo
Dal giorno in cui sei venuta
Hai legato dentro una tela
La tua inutile verità
Lasciandomi sulla terra
Abbandonato ai fili elettronici
Una rete elettromagnetica
Nascosta nel tuo iride verde

Come un serpente
Sei la parte mancante
L’opposizione naturale del mondo
A tutti i miei sogni
Piovono bombe sulle città
E dal satellite ti saluterò
Vienici a prendere
Come faceva mamma
Rimpianti non ne ho

KETSUEKIGATA
KETSUEKIGATA
KETSUEKIGATA
KETSUEKIGATA
KETSUEKIGATA

Ketsuekigata!

Cari ragazzi Il 2018 segna un anno di liberazione da una marea di cose. Siamo attualmente in studio per il Ketsuekigata!, il nostro nuovo album (se consideriamo Niente Ballate Alla Vasco Rossi 3.0, ristampato da pochissimo da TRB Rec di Andrea Tognassi un disco di...

I GATTINI DI SALEM

Ketsuekigata! La Teoria Dei Gruppi Sanguigni: Hara Kimata e l’ultima maledizione

Testi e musiche di Daniele Adolfo Venti
Arrangiamenti di Daniele Adolfo Venti e I Gattini Di Salem

Daniele Adolfo Venti – Voce, chitarre, synth, pad, strumenti addizionali
Francesco Di Stefano – Timpano-cassa, rullante, pad (traccia n°3, 6, 7, 9, 10)
Mattia Amodeo – Basso (traccia n°2, 3, 6, 7, 9, 10)

Prodotto da Daniele Adolfo Venti e i Gattini Di Salem per TRB Rec di Andrea Tognassi
Registrato e mixato al CSSP da Daniele Adolfo Venti nella primavera del 2018
Mastering: Toto Venti e Daniele Adolfo Venti

TRB Rec di Andrea Tognassi, 2018